advertising online

L'online advertising è diventato parte integrante del mondo di Internet, tanto da aver ormai superato, in termini di fatturato, la pubblicità sui giornali. Per i nuovi marketer non è però sempre facile districarsi tra i diversi tipi di pubblicità disponibili in rete. La seguente guida serve per aiutare a categorizzare e a capire meglio ogni forma di pubblicità presente sul web e comprendere quale, tra le diverse forme di attività di Search Engine Marketing, è la più idonea per la nostra azienda.

Che cos'è l'online advertising

cost leadL'online advertising, o pubblicità online, è un canale in costante evoluzione che cerca di trarre vantaggio dal gran numero di utenti che ogni giorno si collegano a Internet per fare ricerche, relazionarsi, passare il tempo, ecc.
Le inserzioni pubblicitarie su Internet come Google Adwords costituiscono un elemento chiave non solo per le aziende, che possono colpire un ampio pubblico profilato a prezzi contenuti in confronto ai classici media, quali carta stampata e televisione, ma anche per i possessori di siti internet per i quali la pubblicità costituisce spesso l'unico strumento di monetizzazione.
Tra i punti a favore dell'online advertising vi è la misurabilità, cioè la possibilità di tracciare l'andamento della pubblicità grazie ad appositi strumenti che consentono di ottenere una reportistica avanzata riguardante, ad esempio, il numero di click e di impressioni (visualizzazioni) ricevute e il rapporto tra i suddetti valori (Click Through Rate).

Tecniche di advertising online

La pubblicità online si suddivide in 4 macrocategorie: d'assalto, assertiva, periferica e interna.

  • Assault advertising: è un tipo di pubblicità aggressiva che obbliga le persone a guardarla; ne fanno parte i pop-up, ormai in via di estinzione perché inducono gli utenti a lasciare il sito.
  • Assertive advertising: questo genere di pubblicità, meno invasiva della precedente, è caratterizzata dal fatto che l'annuncio viene mostrato prima che venga caricato il contenuto prescelto.
  • Pubblicità periferica: è quella in cui gli annunci, generalmente dei banner, compaiono sopra, di lato o in fondo al contenuto richiesto dall'utente; per la facilità d'implementazione, è la tecnica più diffusa.
  • Inline (interna) advertising: è il tipo di pubblicità online meno intrusiva e più persuasiva, caratterizzata da uno o più collegamenti inseriti nel contenuto del sito e collegati alle informazioni ricercate. Costituiscono un esempio di pubblicità interna i link sponsorizzati che compaiono in alto e a sinistra dei risultati di ricerca di Google (Adwords).

Tipi di advertising online

 

Vediamo nel dettaglio alcuni delle diverse tipologie di advertising utilizzabili online

Web banner

digital marketingI banner sono degli annunci pubblicitari che appaiono ad ogni apertura di una pagina web e che possono variare largamente in termini di forma, design e funzioni; possono contenere immagini, video o interazioni con l'utente e trovarsi in vari punti della pagina. Gli utenti che cliccano sul banner vengono reindirizzati al sito web dell'azienda pubblicizzata.
Negli ultimi tempi, gli utenti hanno sviluppato la c.d. "banner blindness" (cecità ai banner), pertanto la percentuale di persone che clicca effettivamente sugli annunci è molto bassa.

Pop up

Altro tipo di display advertising sono i pop up, finestre che si aprono automaticamente durante la navigazione e che, per via della loro invadenza, sono sempre più rare.
Più utilizzati sono ora i "floating ads", annunci pubblicitari che si sovrappongono al contenuto di una pagina quando vi si accede, per poi dissolversi o ridimensionarsi, l'"expanding ad", un annuncio che si espande se vi si passa sopra il puntatore, oppure ancora i "text ads", parole collegate a link che rinviano ad una pubblicità.

Comunicati stampa

Con l'avvento di Internet, il comunicato stampa ha assunto nuova linfa, diventando un efficace strumento di web marketing, nella fattispecie di link building, che permette di pubblicizzare nuovi prodotti, siti web, eventi, ecc.

Link commerciali

Le ricerche sponsorizzate sono una soluzione efficace per permettere alle aziende di ottenere maggiore visibilità sui motori di ricerca, comprando all'asta specifiche parole chiave rilevanti per il proprio business. Tali parole chiave sono molto importanti e vanno scelte con cura perché condurranno il visitatore verso il vostro annuncio, che comparirà in alto o a destra rispetto ai risultati organici delle SERP.
Uno dei servizi più popolari di link sponsorizzati è Google AdWords che utilizza la tariffa denominata "Pay Per Click" (PPC) in base alla quale l'azienda paga solo quando l'utente clicca sull'annuncio.
Un altro modo di monetizzare con i link sponsorizzati è quello di distribuirli nel proprio sito; AdSense, programma pubblicitario di Google, permette di guadagnare con il metodo pay per click posizionando link promozionali altamente targetizzati in varie parti del sito.

E-mail advertising

Si tratta di pubblicità inviata, legittimamente o illegalmente (spam), via e-mail, che può contenere promozioni, sconti, lancio di nuovi prodotti o servizi, ecc.
Ne fanno parte le newsletter, strumenti di marketing sotto forma di bollettino aziendale che aggiornano i sottoscrittori con una periodicità ben definita.

Social Media Marketing

La pubblicità sui Social Network fa della viralità il proprio cavallo di battaglia. Essa si basa sulla possibilità di instaurare una comunicazione diretta con i consumatori, ottenendo da essi un feedback immediato. In essa è naturalmente integrato il buzz marketing, l'equivalente del passaparola, che sul web è affidato anche alle doti persuasive di influencer quali blogger e Youtuber.

Pubblicità nativa

L'ultima frontiera della pubblicità online è la native advertising che si inserisce in modo discreto e poco invadente nel contenuto che la ospita, assumendone lo stesso aspetto grafico e rendendo pertanto difficile distinguerla da esso. Questo genere di annunci è spesso utilizzato dalle testate giornalistiche digitali, ma ne sono esempio anche i "promoted" post o tweet su Facebook e Twitter.

Affiliate Marketing

I programmi di affiliazione sono un'eccellente forma di online advertising basata sulle performance che prevede il pagamento di una commissione agli affiliati, cioè agli editori, solo a risultato ottenuto, che sia un download, la compilazione di un form o una vendita.

Conclusioni

Nel nostro Paese il 90% del budget pubblicitario viene investito in banner e newsletter, metodi piuttosto costosi che non assicurano risultati certi in quanto si basano su impressioni e iscritti, e non sui click effettivamente ricevuti.
Per ottenere risultati concreti con l'online advertising, è opportuno puntare su strategie più efficaci ed economiche, come le affiliazioni, e fidelizzare i consumatori con strumenti quali promozioni e giveaway.

 

Se sei alla ricerca di un sistema per acquisire visibilità e nuovi clienti per il tuo business online, Google Adwords può fare al caso tuo.

Ma cos'è Adwords e come funziona?

Google Adwords è il programma promozionale di Google che permette di pubblicizzare il proprio sito web facendo apparire degli annunci che rimandano al nostro business online, nella pagina dei risultati di ricerca che apparirà ad ogni utente che cercherà un termine sulla barra di ricerca di Google.
I nostri annunci potranno apparire al di sopra dei risultati organici della ricerca effettuata dall'utente o a destra dei risultati della ricerca. Una seconda modalità può consistere nel far apparire il nostro banner pubblicitario all'interno di determinati siti web di terzi.
Essendo Google il motore di ricerca più diffuso al mondo, riuscire a ritagliarsi uno spazio pubblicitario al suo interno può davvero fare la differenza se vogliamo avere successo con la nostra attività online. Maggiore visibilità sul web equivale ad avere una maggior probabilità di successo.

Come funziona Google Adwords e come può aiutare la tua azienda a trovare nuovi clienti?

adwordsIl funzionamento di Google Adwords ruota attorno al sistema delle keywords. Questo cosa significa? Se decidiamo di avviare una campagna pubblicitaria su AdWords, in relazione alla nostra tipologia d'attività, dovremo andare ad individuare le parole chiave che meglio la rappresentano.
Le parole chiave dovranno essere molto efficaci nel senso che dovremo cercare di utilizzare delle keywords diverse da quelle già utilizzate dai nostri competitors ( altre attività simili alle nostre ) per le loro campagne. Molto spesso si tratta di competitors che hanno offerto grandi somme di denaro per la loro promozione. Non differenziandoci da loro rischiamo di essere automaticamente tagliati fuori dai giochi.
Una volta individuate le parole faremo un'offerta monetaria. Il funzionamento del sistema è molto simili a quello delle aste.
Data la complessità del meccanismo di ricerca ed individuazione delle corrette keywords, è sempre opportuno rivolgersi a dei professionisti del settore per non rischiare di gettare via tempo e soprattutto denaro.

L'importanza della targetizzazione del pubblico di destinazione dei nostri annunci

Una volta impostate le corrette Keywords un'ulteriore fase essenziale per il successo della nostra campagna sarà la giusta targettizzazione del pubblico al quale vorremo mostrare il nostro annuncio. Se ad esempio siamo titolari di un'agenzia di viaggi ,il nostro annuncio dovrà essere mostrato solo ed esclusivamente ad utenti interessati al mondo dei viaggi. Questo è possibile perchè Google conosce i gusti e gli interessi dei suoi utenti.
Attraverso le opzioni di targeting della nostra campagna potremo decidere non solo gli interessi ma anche il genere o l'età del nostro pubblico obiettivo.

Ma quanto costa nello specifico una campagna pubblicitaria su Adwords? La risposta è:dipende.

Su Adwords potremo stabilire preventivamente quanto andremo a spendere giornalmente e quanto vorremo pagare per ogni singolo click sul nostro annuncio. Il sistema usato da Google è denominato Pay per Click. Questo significa che dal nostro budget totale verrà scalato solo il denaro relativo al numero di click effettivi degli utenti sul nostro annuncio.
Altro aspetto importantissimo su cui porre grande attenzione è che ogni keyword ha un suo costo specifico. Questo costo dipenderà dal numero di inserzionisti che prima di noi avranno usato la medesima keyword e da quale cifre sono pronti a pagare. Se ci sono molti inserzionisti per una medesima parola ed alcuni di loro sono disposti ad offrire cifre alte, il costo per quella parola sarà più elevato.

Creare Campagne coerenti con il tipo di attività pubblicizzata è una caratteristica molto apprezzata da Google

target adwords

Dicevamo in precedenza come sia fondamentale affidarsi a un team di professionisti per gestire una campagna pubblicitaria su Adwords. Tutte le strategie attuabili ruotano attorno a tre elementi : coerenza, parole chiave e sistema Pay per click.
La cosa essenziale è che ogni click sul nostro annuncio si converta in un'azione specifica come l'acquisto di un prodotto o di un servizio. In caso contrario avremo solo gettato al vento i nostri soldi.
Fondamentale sarà creare un annuncio coerente con il servizio o prodotto che la nostra attività propone. Infatti Google, per salvaguardare la propria credibilità, premia gli annunci più coerenti con una valutazione che permetterà agli annunci valutati come più coerenti di scavalcare quelli meno coerenti anche se per questi è stato pagato un prezzo maggiore.

Quali sono le tipologie di campagne promozionali attuabili su Google Adwords?

Le tipologie di campagne promozionali sono due: la rete di ricerca (gli annunci che appariranno sulla SERP di Google) e la rete di display (banner che appaiono sui siti internet che mettono a disposizione spazi pubblicitari).
In base alla nostra attività ed al nostro bacino di utenza la scelta tra le due strategia potrà fare la differenza per il successo della nostra campagna.
La strategia display include un servizio davvero molto efficace denominato remarketing. Con questo sistema il tuo annuncio apparirà nei siti che offrono spazi pubblicitari agli utenti che avranno visitato anche una sola pagina del tuo sito web. Se possiedi una sito e-commerce questo sistema potrebbe rivelarsi molto utile.

Cosa è necessario predisporre prima di poter avviare un campagna su Adwords

Per poter avviare una campagna promozionale su Adwords avremo bisogno di un account gmail, di un sito o una pagina web di destinazione, di uno degli strumenti di pagamento accettati da Google.
Operare su Adwords non è nulla d'improvvisato. E' inoltre un sistema sottoposto a continui aggiornamenti e novità.
Il consiglio di affidarsi ad un'agenzia per la nostra campagna rimane valido ma se siamo volenterosi e curiosi di conoscere e sperimentare come funziona Adwords nulla ci vieta di addentrarci in quest'avventura autonomamente.
La cosa importante in questo caso sarà avere un certo budget da poter investire anche col rischio di vederlo andare in fumo. Altro elemento fondamentale sarà la pazienza di studiare a fondo il sistema e metterci alla prova compiendo tentativi su tentativi. Il web è una libreria a cielo aperto e quindi troverai tanti ebook, manuali e guida che potranno insegnarti i primi ed essenziali rudimenti tecnici per poter iniziare ad usare Google Adwords come strumento di promozione sul web.

search engine marketing

Nell'era della comunicazione, il successo di un'azienda è fortemente determinato dalla sua visibilità. Solo i business che riescono a svettare sulla concorrenza, e che raggiungono una fetta quanto più larga possibile del proprio pubblico di clienti potenziali, possono sopravvivere alle sfide del complesso scenario socio-economico della società attuale.

Se un tempo la pubblicità si muoveva su dimensione locale, basandosi su passaparola e conoscenze, adesso le aziende devono ampliarsi verso nuovi territori e mercati per abbracciare una clientela sempre più vasta, ovvero devono entrare a far parte della più grande rete di comunicazione globale digitale, Internet. Creare un sito web o un blog aziendale sono solo i primi passi per inserirsi nella rete Internet e creare l'identità virtuale dell'azienda che sarà reperibile da tutti gli interessati, ma sono lontani dall'essere sufficienti da soli. La semplice esistenza del business sul web non basta a farlo arrivare a tutti i potenziali consumatori dei prodotti o servizi offerti dall'azienda, se non la conoscono già.

L'unico modo per portare la propria attività all'attenzione del suo pubblico è usare le strategie di web marketing che la rendano reperibile semplicemente effettuando una ricerca del settore di competenza aziendale o del tipo di prodotti realizzati. In poche parole, solo se con una semplice ricerca su Google il proprio business sarà fra i primi risultati, si potrà sperare si avere un successo economico concreto. La tecnica per raggiungere questo obiettivo è il Search Engine Marketing. Vediamo di cosa si tratta, perché è un requisito imprescindibile per i business che vogliono affermarsi nell'odierna società della comunicazione, e in che modi può aiutare concretamente ad aumentare il fatturato e la visibilità della propria azienda.

Cos'è il Search Engine Marketing

servizi search engine marketingSpesso abbreviato in SEM, per Search Engine Marketing si intende letteralmente il marketing sui motori di ricerca, ovvero l'insieme di strategie che portano il proprio sito web aziendale fra i primi risultati mostrati dai motori di ricerca, e quindi di conseguenza fra le pagine più visitate dagli utenti. Grazie al Search Engine Marketing, un'azienda può apparire fra i risultati di ricerca più popolari degli internauti che cercano un determinato prodotto o servizio, quindi attirando un maggior numero di clienti rispetto alle aziende che figurano nelle pagine successive dei risultati, ma anche mostrandosi più autorevoli, competenti e affidabili agli occhi dei consumatori, così da attivare un circolo virtuoso di profitto.

Il Search Engine Marketing si muove attraverso varie strategie di ottimizzazione dei siti web in modo da potenziarne l'indicizzazione da parte dei motori di ricerca, che nel complesso sono conosciute come tecniche SEO, Search Engine Optimization. Queste tecniche vanno dall'ottimizzazione del linguaggio di programmazione e dell'architettura dell'informazione all'interno delle pagine web del sito in analisi, allo studio dei contenuti e dei testi che dovranno contenere informazioni chiare e keywords rintracciabili, fino alle campagne promozionali con guest post, diffusione di link e annunci su portali di settore e siti specializzati (Search Engine Advertising, SEA).

Perché il Search Engine Marketing è importante per un'azienda

campagna advertisingIl Search Engine Marketing permette di migliorare il posizionamento online del proprio sito web aziendale, ovvero renderlo più facilmente raggiungibile e reperibile da parte dei potenziali clienti. Per questo gioca un ruolo fondamentale nell'immagine dell'azienda e nel dialogo che questa instaura con il suo pubblico target. Grazie al Search Engine Marketing, i gestori di ogni attività commerciale riescono a intercettare le necessità e le richieste degli utenti interessati, e convertire questa curiosità in vendite ed entrate economiche.

Il Search Engine Marketing è fondamentale per le aziende per ricevere la visibilità che meritano, aumentando le probabilità di acquisto a dismisura perché il buon posizionamento sui motori di ricerca genera un circolo virtuoso di link in entrata e di condivisioni da parte degli utenti. Rispetto ad altre strategie di web marketing, il tasso di conversione delle visite in acquisti effettivi è di 1,5 volte superiore.

Le principali ricerche di settore mostrano che investire in una strategia di Search Engine Marketing mirata, in qualsiasi fase della vita dell'azienda, spinge al massimo il potenziale del brand, permettendogli di ottenere un vantaggio sensibile sui competitori che non si affidano al web marketing. Monitorando costantemente le reazioni dei clienti e il comportamento degli utenti che visitano il sito dopo aver trovato la pagina sui motori di ricerca, con l'aiuto di professionisti è possibile incrementare le vendite e le sottoscrizioni ulteriormente.

Come può il Search Engine Marketing aiutare il successo di un'azienda

La visibilità, popolarità e affidabilità di risonanza che derivano dall'utilizzo delle strategie di Search Engine Marketing portano dei risultati chiaramente riscontrabili e quantificabili per le aziende in termini di aumento di fatturato, numero di clienti fidelizzati che compiono acquisti ripetuti e numero di registrazioni e sottoscrizioni a newsletter.

Il Search Engine Marketing è un aiuto sostanziale soprattutto per le piccole aziende o per le società appena lanciate che devono ancora trovare la loro fetta di pubblico, in quanto sono delle tecniche che richiedono investimenti finanziari molto minori rispetto a costose campagne pubblicitarie spesso fallimentari, portando comunque dei basilari benefici di visibilità, imprescindibili nella società attuale in cui tutta la ricerca di prodotti e servizi passa attraverso i motori di ricerca online. Inoltre, i benefici del Search Engine Marketing sono ottenibili molto più in fretta di altre strategie di web marketing, così da ridurre i tempi morti e le possibilità di fallimento.

Creare un sito web dall'interfaccia grafica accattivante e completo di ogni informazione è basilare, ma assolutamente inutile se gli utenti della rete Internet non riescono a trovarlo perché è relegato alle ultime pagine dei risultati di ricerca. L'utilizzo di tecniche di Search Engine Marketing è un requisito imprescindibile per non vanificare gli sforzi e i costi affrontati nelle altre fasi della creazione e promozione dell'immagine virtuale dell'azienda, ed è l'unica strada per raggiungere risultati sicuri e duraturi nel tempo che influenzeranno il successo aziendale e la fidelizzazione della clientela target nel lungo periodo.

sito web dinamico

Una delle decisioni più importanti da prendere in merito alla realizzazione di un sito web riguarda la scelta di un sito statico o dinamico, anche noto come CMS. Entrambe le soluzioni presentano dei pro e dei contro, ma la scelta di uno anziché l'altro dipende dalle esigenze del cliente in riferimento alla frequenza degli aggiornamenti e al tipo di interazione tra l'utente e il sito stesso.

Limiti di un sito web statico

Nei siti statici, le pagine web vengono create e, in caso di necessità, modificate una ad una utilizzando il codice HTML, metodo che garantisce ottime prestazioni, soprattutto per quanto riguarda la velocità di caricamento.
Se la possibilità di controllare ogni minima parte del codice costituisce per certi versi un vantaggio, diventa un handicap nell'ottica degli aggiornamenti e della manutenzione, operazioni che richiedono necessariamente l'aiuto di una persona che conosca il linguaggio di markup HTML.
Anche il livello di interazione tra l'utente e il sito è limitato, riducendosi alla semplice consultazione delle pagine del sito. Un altro inconveniente dei siti statici è che, se non studiati appositamente, non ottengono il favore dei motori di ricerca i quali preferiscono contenuti freschi e aggiornati.
Per questi motivi, la scelta del sito statico è giustificata solo nel caso in cui si debba realizzare un sito in stile "brochure", destinato alla semplice consultazione da parte dell'utente, senza particolari interazioni, e che non richiede continui aggiornamenti, ma solo periodiche modifiche dovute a variazioni al listino.

Caratteristiche di un sito web dinamico

caratteristiche sito dinamicoIn tutti gli altri casi, la scelta di un sito web dinamico è certamente la più indicata, sia per la facilità di manutenzione e di aggiornamento, sia per l'elevata interattività con gli utenti.
I siti web dinamici si appoggiano ad una base di dati contenente le informazioni necessarie alla composizione delle pagine. Queste ultime sono costituite da una parte fissa, come il layout grafico e il menu, ed una estratta di volta in volta dalla base di dati, creando così una quantità innumerevole di documenti, anche se il numero effettivo di pagine è minore.
Nonostante la performance in termini di tempi di caricamento sia inferiore, per via dell'interazione tra la pagina e il database da cui vengono richiamate le informazioni, i siti dinamici presentano numerosi vantaggi per quanto riguarda la facilità di manutenzione e l'interattività; ad esempio, possono essere apportati costanti aggiornamenti e modifiche a pagine web, blog, immagini, gallery, senza intervenire direttamente sulle pagine.
Un ulteriore vantaggio dei siti web dinamici è quello di essere SEO friendly, il che significa che sono pensati per chi li legge (e non per chi li paga) e vengono facilmente indicizzati dai motori di ricerca, con maggiori probabilità di posizionarsi in cima alle SERP, fattore competitivo tutt'altro che trascurabile per le aziende.

Che cos'è un CMS

Generalmente i siti dinamici si basano su appositi programmi definiti CMS, acronimo di Content Management System, delle applicazioni modulabili studiate per facilitare la gestione dei contenuti di un sito web.
Questi sistemi permettono anche ad utenti non esperti, o che comunque non conoscono i complessi linguaggi di programmazione, di modificare i contenuti e, parzialmente, anche l'architettura del sito.
L'uso di un CMS è inoltre in grado di garantire che i contenuti pubblicati siano conformi al modello del sito web, lasciandone inalterati il design principale e le caratteristiche di navigazione.
Alcuni CMS sono stati appositamente concepiti per un particolare ambito (portale, blog, negozio virtuale, comunità, ecc.), mentre altri sono più adattabili e polivalenti e lasciano un ampio margine di personalizzazione.
wordpressUn ulteriore distinzione è tra i CMS open source, free software e software proprietario (o closed source). L'open source (sorgente aperta) prevede la diffusione del codice sorgente, consentendo ad altri programmatori di studiare e di modificare il software, in modo da renderlo sempre più avanzato e mantenerlo in linea con i trend della rete, mediante il rilascio di aggiornamenti, moduli e patch.
Il free software è invece un programma rilasciato con una licenza di software libero ed è incentrato sulla libertà dell'utente, in contrapposizione al software proprietario, il cui utilizzo prevede delle restrizioni definite dall'autore.
Tra i CMS open source più diffusi vi sono WordPress, Joomla e Drupal, piattaforme che vantano una community molto vasta di sviluppatori.

Come funziona un Content Management System

I CMS sono realizzati grazie all'ausilio di vari linguaggi di programmazione, tra cui PHP, ASP e JSP, alcuni dei quali elaborati dal server, altri dal browser, e consentono di aggiungere, ritoccare e rendere disponibili testi, immagini, video, link, ecc.
Tecnicamente, i content management system sono costituiti da due aree:

  • il "front end", o interfaccia utente, cioè l'area pubblica accessibile a tutti, raggiungibile all'url del sito e con cui gli utenti possono interagire;
  • il "back end", o pannello di gestione, a cui possono accedere soltanto gli amministratori tramite apposite credenziali e che serve a creare le pagine, inserire informazioni, modificare i contenuti, e, in definitiva, a rendere effettivamente operativo il sito grazie a un'interfaccia facilitata.

I CMS permettono di estendere le proprie funzionalità tramite dei componenti aggiuntivi che si distinguono in componenti, moduli, plug-in e template.

Quando scegliere un CMS per il proprio sito

scegliere cmsI CMS sono la soluzione ideale per quei siti web che richiedono il costante aggiornamento dei contenuti in autonomia, senza dover contattare il web master per ogni piccola modifica. L'aggiornamento dei contenuti è essenziale in un sito web, sia per gli utenti, che non possono chiaramente trarre beneficio da contenuti obsoleti, sia per gli algoritmi dei motori di ricerca, che premiano le pagine aggiornate di recente e che ormai indicizzano le nuove pagine web quasi simultaneamente.
Non solo l'esigenza di effettuare frequenti aggiornamenti, ma anche la necessità di integrare nelle pagine web, in un qualsiasi momento successivo alla pubblicazione del sito, strumenti che consentano l'interazione tra gli utenti e il sito, come servizi di messaggistica istantanea, moduli, o l'inserimento di file multimediali, come la galleria di immagini o video, richiedono l'uso di un CMS.
A questo punto dovrebbe essere chiaro quanto è importante conoscere gli obiettivi da raggiungere ed essere informati sulle varie opzioni disponibili prima di scegliere se adottare una metodologia statica o dinamica per il proprio sito web.

layout responsive

Quando si parla di layout responsive, si intende il layout di un sito web che è stato studiato per reagire e rispondere rapidamente ai bisogni degli utenti in modo completamente automatico.

Questo infatti ha la capacità di adattarsi al comportamento del visitatore, modificando fattori come le dimensioni delle immagini e del testo e l'orientamento del layout, in base alla grandezza della finestra del browser da questo utilizzato. Questo avviene grazie alla progettazione di un layout flessibile e dal corretto utilizzo dei CSS (Cascading Style Sheets).

I siti web che hanno un layout responsive permettono quindi agli utenti di avere un esperienza di navigazione piacevole e funzionale da qualsiasi device.

I pregi del layout responsive: un sito web unico che si adatta ad ogni tipo di dispositivo

layout smartphoneIl più grande vantaggio di progettare un sito web responsive è sicuramente il fatto che questo permetterà ai visitatori di avere un esperienza di navigazione ottimizzata per qualsiasi tipo di dispositivo, che sia un computer oppure un device di dimensioni più piccole come un tablet oppure uno smartphone.

Questo perché il sito web responsive adatterà in modo automatico la risoluzione delle immagini e il layout, in base alla dimensione della finestra del browser utilizzata dall'utente. Questo farà anche in modo che tutti i contenuti presenti sul sito web diventino leggibili, in quanto la dimensione dei caratteri che compongono il testo verrà modificata automaticamente.

Non ci sarà quindi bisogno di creare diverse versioni dello stesso sito (magari tramite un dominio fatto ad hoc per essere visitato attraverso smartphone o tablet) per far sì che gli utenti possano visitarlo efficacemente tramite dispositivo mobile.

I pregi del layout responsive: consigliato anche dal punto di vista della SEO

progettazione siti webAd oggi, circa il 70% degli utenti italiani utilizzano il proprio dispositivo mobile per navigare su internet. Infatti, il numero delle persone che utilizzano il cellulare per visitare quotidianamente i siti web sono circa 16,4 milioni a fronte dei 20 milioni di utenti totali.

È diventato quindi indispensabile adattare le strategie relative al web marketing e al posizionamento SEO sulla base di questi dati, così da rimanere al passo con i tempi e seguire l'evoluzione delle abitudini degli utenti.

Dal momento che l'obiettivo di Google è fornire agli internauti un'esperienza sempre migliore di navigazione, l'aumento sempre crescente di persone che utilizzano gli strumenti mobili per accedere ad internet, ha portato il motore di ricerca quindi a rendere i siti responsive avvantaggiati rispetto agli altri.

Infatti, lo scorso anno, precisamente il 21 giugno del 2015, Google ha modificato uno dei suoi algoritmi, andando a penalizzare, dal punto di vista della SEO, tutti i siti web che non sono mobile friendly.

Il motore di ricerca più grande al mondo ha inoltre consigliato tramite il suo blog ufficiale di creare siti web che possono essere visualizzati su tutti i dispositivi con un'unica URL e un unico codice HTML associato, e di utilizzare solo i CSS per modificare il modo in cui viene visualizzata la pagina a seconda del dispositivo.

I siti web responsive saranno quindi avvantaggiati anche dal punto di vista della SEO, principalmente per due motivi. Il primo è che Google preferisce i siti web che offrono un'esperienza di navigazione positiva agli utenti, anche quando questi si connettono da cellulare o tablet. Inoltre, il fatto che il sito web abbia un solo dominio consentirà ai motori di ricerca di indicizzarlo in modo migliore.

I pregi del Layout responsive: migliora l'esperienza dell'utente

Oltre ad essere particolarmente indicato perché rende i contenuti del sito web fruibili da qualunque dispositivo mobile e favorisce il posizionamento del portale sulla SERP, il layout responsive sarà un grande aiuto anche per diminuire la frequenza di rimbalzo.

Questo è ovviamente una conseguenza del fatto che il design del sito web si adatterà facilmente a qualunque tipo di device, invogliando quindi gli utenti a navigare sul sito per una maggiore quantità di tempo.

Le statistiche riportano infatti che la maggior parte degli utenti abbandonano subito i siti web che non sono ottimizzati per i dispositivi mobili. I dati riportano che le pagine web che ci mettono più di 7 secondi a caricarsi oppure che non consentono all'utente di visualizzare l'intero contenuto da schermi di dimensioni ridotte, come ad esempio quello del tablet o dello smartphone, portano i visitatori a cercare altrove le informazioni di cui hanno bisogno e quindi a chiudere la pagina web prima di visualizzarne il contenuto.
Il layout responsive è quindi una soluzione ottimale anche da questo punto di vista.

Sarà anche utile per aumentare il tasso di conversione: molti utenti visitano gli e-commerce tramite dispositivo mobile per poi concludere l'acquisto sul desktop in un secondo momento. Una buona navigabilità, invece, può condurre il potenziale cliente a finalizzare l'operazione d'acquisto direttamente dal device mobile.

I pregi del layout responsive: riduce costi sostenuti dall'azienda

Se il sito web principale non soddisfa i bisogni degli utenti che navigano da device mobili, l'azienda sarà costretta ad avere più di un dominio, in modo da poter ottenere visite anche da coloro che utilizzano smartphone e tablet per navigare.

Grazie al layout responsive invece non ci sarà bisogno di avere più domini, e questo porterà quindi un grande vantaggio all'azienda anche dal punto di vista economico, non solo per quanto riguarda la progettazione e l'apertura del sito, ma anche per quanto concerne il mantenimento e gli aggiornamenti futuri dello stesso.

Il layout responsive ha infatti la peculiarità di essere in grado di adattarsi alla grandezza della finestra del browser e non al tipo dispositivo dal quale viene visualizzato il sito. Questo pregio lo rende vantaggioso anche rispetto alla semplice procedura di ottimizzazione mobile-friendly del sito web.

In conclusione

Il sito responsive è quindi ideale perché si può adattare a qualunque tipo di browser e quindi di dispositivo, anche quelli ancora non diffusi in larga scala, come ad esempio gli smartwatch oppure i Google Glass. Inoltre, il layout responsive renderà il sito web compatibile con tutti i tipi di browser futuri.

Questo porterà l'azienda non dover fare ulteriori investimenti nel prossimo futuro per rendere il sito web adattabile ad altre modalità di navigazione, che ad oggi non sono ancora popolari.

immagini siti web

Utilizzare le immagini giuste sul web è il primo passo verso il successo. Esse hanno il potere di comunicare in modo immediato un messaggio, attirando l'attenzione degli utenti della rete. Inoltre suscitano emozioni in chi le guarda, rimanendo impresse nella memoria a lungo. Più è alta la qualità delle immagini che si usano per promuovere il proprio sito, maggiore sarà il riscontro positivo sull'utenza che sarà spinta a visitarlo sempre più spesso e a condividerlo: è questo uno dei principi con cui sviluppare un web design di livello elevato. In questa guida spiegheremo come e perché è importante investire in immagini di qualità da pubblicare su internet.

Perché investire in immagini di qualità su internet

L'utilizzo di immagini di qualità da pubblicare su internet è molto importante per promuovere efficacemente la propria piattaforma web, che si tratti di un e-commerce, di un sito web o di un blog. Esse contribuiscono a valorizzare il proprio marchio, veicolando in modo efficace i contenuti che si intende diffondere sulla rete. Grazie alla sua capacità di stimolare l'emotività e suscitare emozioni diverse, l'immagine riesce a catturare facilmente l'attenzione degli utenti, spingendoli ad aumentare la loro permanenza sul sito web. Inoltre contribuisce ad influenzare la percezione che il soggetto ha del marchio o del prodotto a cui l'immagine si riferisce, spingendolo verso la fidelizzazione o l'acquisto. Per questi motivi investire su immagini qualitativamente valide è il modo migliore per aumentare la propria visibilità sulla rete e avviare un'attività di successo. Ecco alcuni dei principali vantaggi che offrono queste immagini:

  • Rendono più leggero e gradevole il testo: i contenuti di un sito internet possono risultare meno noiosi e faticosi da leggere se associati ad immagini qualitativamente elevate, in grado di mantenere alta l'attenzione e l'interesse delle persone;
  • Stimolano la condivisione tra utenti: l'entusiasmo suscitato da una foto di qualità spinge la gente a condividerla su internet e sui social networks, in questo modo essa si diffonde e aumenta la visibilità del sito internet da cui è stata presa;
  • Vengono ricordate più facilmente: le immagini belle suscitano emozioni positive nelle persone che tendono a ricordarle per più tempo, al contrario delle immagini comuni e banali che vengono dimenticate in fretta;
  • Ottimizzazione SEO (Search Engine Optimization): possono essere usate per migliorare l'ottimizzazione sui motori di ricerca, rendendo un sito web più facile da individuare su internet, incrementandone la popolarità;
  • Rendono più incisiva la comunicazione: foto ed immagini di qualità aiutano a rendere più comprensibile ed immediato un concetto o messaggio che si vuole fare arrivare al pubblico, senza bisogno di eccessive descrizioni.

Come investire in immagini di qualità per la rete

immagine sito webLe immagini di qualità sono uno strumento valido per comunicare sul web, se utilizzate nel modo giusto possono garantire il successo della propria attività su internet. Che si tratti di immagini raccolte sulla rete oppure prodotte autonomamente, sarà importante ottimizzarne le caratteristiche prima di diffonderle, al fine di renderle facilmente accessibili. Tuttavia prima di illustrare come investire su foto di qualità da pubblicare su internet, è necessario compiere una distinzione tra le diverse tipologie di immagini che si possono trovare su un sito:

  • Icone: sono piccole immagini simboliche che identificano un'applicazione o comando all'interno della piattaforma web e se scelte in modo accurato, facilitano la navigazione;
  • Foto: queste immagini descrivono una scena reale fotografata personalmente oppure commissionata ad un fotografo; migliore è la loro qualità, maggiore sarà il prestigio e l'interesse suscitato per il sito web;
  • Illustrazioni: sono immagini tipiche di piattaforme web che puntano sulla creatività e sull'utilizzo di prodotti unici, solitamente si tratta di disegni originali realizzati da illustratori professionisti per descrivere un concetto o situazione;
  • Logo: è l'immagine che rappresenta l'identità stessa del marchio, viene usata per distinguerlo dagli altri presenti in rete; può essere associata ad un testo breve riportante ad esempio il nome dell'azienda e/o produttore del sito web;
  • Infografiche: sono immagini utilizzate per fornire informazioni utili, di facile comprensione e generalmente vengono create da grafici professionisti, divenendo velocemente virali.

Ogni tipologia di immagine svolge un ruolo differente sulla rete e può essere migliorata per incrementarne l'efficacia. Per ottimizzare un'immagine per il web sarà importante valutare alcuni aspetti, uno di questi riguarda il formato e la dimensione della foto. Può capitare che foto ad alta risoluzione posseggano dimensioni e peso eccessivo, al punto da rallentare notevolmente i caricamenti delle pagine web. Si tratta di una problematica che può essere risolta applicando un formato più leggero e facilmente supportato, come ad esempio il jpeg. Inoltre si consiglia di rinominare l'immagine in modo coerente e facile da rintracciare.

Per investire su immagini di qualità da pubblicare su internet sarà necessario:

  • Acquistare apparecchiature professionali per scattare fotografie ad alta risoluzione oppure affidarsi a fotografi e/o siti di fotografia di alto livello, capaci di offrire prodotti qualitativamente molto validi;
  • Associare in modo coerente immagini e contenuti, con fine esplicativo e descrittivo per facilitare la comprensione della comunicazione; evitare di attirare l'attenzione con foto incoerenti rispetto al testo poiché potrebbe suscitare sfiducia nell'utente;
  • Posizionare correttamente le immagini all'interno del sito, evidenziando le più importanti in posizione centrale, piuttosto che in aree periferiche;
  • Mantenere le fotografie sempre aggiornate, in modo da risultare sempre nuove ed interessanti per i visitatori e non rischiare di farli annoiare e perdere la loro attenzione;
  • Scegliere immagini con prospettive innovative ed inusuali, in grado di suscitare la curiosità del pubblico e rimanere impresse nella loro memoria;
  • Dare la possibilità di utilizzare lo zoom sulle immagini per aiutare gli utenti a soffermarsi e ad apprezzare meglio i dettagli.

web design

Il settore del web design sta riscuotendo un forte successo ormai da alcuni anni, grazie al suo ruolo cruciale nella creazione di contenuti per la rete. La sua diffusione ha portato alla nascita di numerose figure professionali, con competenze differenti nell'ambito della progettazione di prodotti per internet. Si tratta di un mercato che offre numerose opportunità di carriera e di guadagno per gli appassionati di informatica che desiderano investire nella realizzazione di siti web. In questa breve guida analizzeremo gli aspetti principali riguardanti il mondo del web design.

Cos'è il web design

Il web design è una disciplina affermatasi con la diffusione del World Wide Web che tratta della progettazione di siti internet. Essa si occupa dello sviluppo di un progetto web e dei suoi contenuti grafici e interattivi rivolti all'utente. Realizzare un sito è un'operazione complessa che richiede il coinvolgimento di differenti figure professionali, dotate di competenze specifiche. Tra le figure principali appartenenti al mondo del web design abbiamo:

  • Analista: è colui che raccoglie e analizza le richieste del cliente, al momento della realizzazione del progetto web.
  • Graphic designer: si occupa di creare una bozza dell'interfaccia e degli elementi grafici dell'intera opera.
  • Web designer: progetta l'aspetto visivo del sito, crea e organizza le pagine web, interviene sulla bozza grafica rendendola fruibile dagli utenti.
  • Web architect: si occupa di progetti ampi e complessi che richiedono l'intervento di un coordinatore del progetto web, capace di delinearne la struttura generale e le varie componenti.
  • Web master: è una figura tecnica-amministrativa che si occupa di gestire il sito, una volta che viene immesso sulla rete.
  • Esperti SEO e web marketing: sono figure esperte in comunicazione promozionale per il web e indicizzazione sui motori di ricerca.

Oltre a queste figure professionali, ne esistono molte altre che si occupano di aspetti specifici della progettazione di siti web e possono essere coinvolti o meno, a seconda della vastità e della tipologia di progetto che si intende realizzare. Il web design fa riferimento ad aspetti inerenti la progettazione grafica e le sue componenti, come la scelta dei layout, dei colori, delle immagini e della tipografia. Questo però non è l'unico aspetto che riguarda questo complesso e affascinante settore poiché gli esperti del campo devono possedere anche notevoli conoscenze relative ai linguaggi di programmazione, interazione e accessibilità ai siti web. Chi si occupa di web design deve mantenersi costantemente al passo con i tempi e con le innovazioni informatiche, all'interno di un contesto sempre in continua evoluzione come quello della rete, in modo da offrire agli utenti prodotti realmente efficaci e di qualità.

Chi è il Web Designer

Il web designer è un esperto di web design, il suo compito principale consiste nella progettazione e sviluppo dell'aspetto grafico di siti internet. Possiede l'importante compito di coniugare design e navigazione, attingendo alle sue svariate conoscenze in tema di tecnologia e internet. Il suo obiettivo è quello di valorizzare il marchio e i messaggi di cui il cliente si fa portavoce mediante il suo sito internet, puntando su un'interfaccia grafica accattivante, in grado di attirare l'interesse degli utenti. Inoltre fa in modo che la navigazione risulti semplice e accessibile, prestando particolare attenzione alle esigenze interattive dei visitatori. Si tratta di una professione molto variegata, ricca di sfaccettature differenti, difficile da delineare all'interno di confini netti.

Generalmente il web designer svolge il suo lavoro in collaborazione con un team di sviluppo, composto da altre figure professionali. É anche un esperto di comunicazione, capace di far incontrare le esigenze dei suoi clienti con i bisogni degli utenti. Ecco alcuni dei suoi compiti principali:

  • Analisi e organizzazione dell'architettura dei contenuti che dovranno essere ospitati sul sito web;
  • Progettazione dell'interfaccia grafica nelle sue diverse componenti e studio approfondito degli espedienti grafici con cui veicolare i messaggi e i marchi appartenenti al sito, al fine di suscitare l'interesse degli utenti internet;
  • Sviluppo delle pagine web al fine di renderle funzionanti e accessibili mediante i browser,attraverso l'utilizzo di conoscenze inerenti ai principali linguaggi di programmazione come: HTML, CSS, Javascript, PHP o .NET;
  • Implementazione di strumenti relativi a SEO (Search Engine Optimization) volti a migliorare l'indicizzazione del sito sui motori di ricerca e web marketing promozionale, attraverso la collaborazione con altre figure esperte;
  • Attività di monitoraggio e revisione del sito web, una volta che diviene operativo sulla rete.

L'importanza del web design nella comunicazione

design siti web

Nel campo della comunicazione web l'immagine è molto importante per veicolare correttamente i messaggi e i contenuti che si intende divulgare, grazie al forte impatto emotivo che riesce a generare sugli utenti, riuscendo ad influenzarne i comportamenti. Infatti la prima impressione che gli utenti hanno di un sito internet è prettamente visiva. Si tratta di un aspetto da non sottovalutare poiché la stimolazione sensoriale è in grado di modificare la percezione del marchio stesso, spingendo l'utente ad avvicinarsi o ad allontanarsi. Un'azienda che mira al successo necessita di un sito internet che valorizzi efficacemente la sua immagine, attraverso una veste grafica appositamente studiata per attirare potenziali clienti e fidelizzare quelli vecchi. Ne sono consapevoli i grandi marchi che ogni anno investono cifre notevoli per la cura della loro immagine sulla rete.

Una grafica eccessivamente spigolosa e disturbante può suscitare emozioni sgradevoli nell'utente, finendo per allontanarlo nonostante i messaggi proposti fossero validi. Indipendentemente dalla qualità dei contenuti di un sito, un'interfaccia grafica non adeguata rischia di far perdere visitatori e visibilità. La scelta degli accostamenti cromatici, i layout della pagine web, le caratteristiche della tipografia e tutti gli altri elementi grafici ed interattivi di un sito sono fondamentali per garantire una navigazione soddisfacente e spingere l'utente a ritornare su quel sito internet. Per questo motivo affidarsi ad un web designer esperto è fondamentale per realizzare una piattaforma web di successo.